Home / Pensiero&Società / Disclosure / IL NUOVO “Nuovo Ordine Mondiale”

IL NUOVO “Nuovo Ordine Mondiale”

official-declaration-group-of-77-june-2014

NUOVO CHE AVANZA: Il futuro è già trascorso

I media americani ed europei stanno facendo tutto il possibile per nascondere questa notizia.

Ma essa non rimarrà segreta a lungo.

A partire da questo fine settimana (14 e 15 giugno), c’è un NUOVO Nuovo Ordine Mondiale sulla Terra e il suo nemico sono gli Stati Uniti, l’Unione Europea, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e il governo ombra del mondo guidato dal FMI e l’OMC.

Questa nuova alleanza dei paesi poveri, non sarebbe molto più di una minaccia, tranne per il fatto che comprende i due terzi delle nazioni del mondo, tra cui Cina e India.

Bolivia-14_06-Ban
Il segretario delle Nazioni Unite. Gen. Ban Ki-moon (al centro) con il Presidente paese ospitante della Bolivia Evo Morales e altri 133 leader mondiali in questo fine settimana. Immagine per gentile concessione delle Nazioni Unite.

E‘ un giorno triste per il popolo americano quello in cui il loro governo e l’industria dell’informazione oscura una notizia di tale importanza. Gli americani devono effettivamente contare su comunicati stampa come quelli dell’Havana Times di Cuba, The Times of India e quello delle delle Nazioni Unite.
C’è una ragione perchè questa notizia è stata censurata in tutto l’Occidente.
Continuate a leggere per scoprire perché.

Fine del Nuovo Ordine Mondiale

Quando le nazioni più ricche e potenti della Terra formarono i G7, G8, G20 e simili, si unirono per combinare il loro dominio sugli altri 175 paesi che compongono l’umanità. E, per decenni, i ricchi 20 paesi guidati dagli Stati Uniti sono diventati esponenzialmente più ricchi a scapito delle 175 nazioni più povere, che a loro volta sono divenute ancora più povere. Questo è stato il risultato del ‘Nuovo Ordine Mondiale’ occidentale, guidato principalmente da governi globali auto-nominati come il Fondo monetario internazionale e l’Organizzazione mondiale del commercio.

133 di questi 175 paesi ne hanno avuto abbastanza di questo sistema finanziario globale truccato del Nuovo Ordine Mondiale con sede a New York e Londra. Hanno visto le loro economie distrutte da società e governi corrotti che creano un ciclo senza fine di dipendenza e povertà. Hanno visto vaste risorse delle loro nazioni derubate dalle multinazionali. Il loro paesaggio agricolo è stato avvelenato. I loro cittadini sono stati portati alla bancarotta da parte del FMI e da Wall Street. E i loro leader democraticamente eletti sono stati rovesciati da agenti stranieri provenienti da paesi come gli Stati Uniti.

Ne hanno avuto abbastanza del Nuovo Ordine Mondiale. E un’alleanza di 133 paesi, i due terzi delle nazioni sulla Terra, ha firmato un accordo questo fine settimana per terminare il Nuovo Ordine Mondiale Occidentale e sostituirlo con un sistema equo, onesto e legittimo di Ordine Mondiale – quello che permette a tutti di partecipare e beneficiare, non solo ai super ricchi.

Il successivo Ordine Mondiale

L’organizzazione è ufficialmente chiamata il ‘Gruppo dei 77 e della Cina‘, ma l’alleanza in realtà comprende 133 nazioni. Per mostrare quanta influenza abbiano, il loro incontro di questo fine settimana in Bolivia è stato aperto con un discorso del segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon. Tra il pubblico vi erano oltre 30 capi di stato di tutto il mondo e rappresentanti ufficiali provenienti da oltre 100 altri governi. Per illustrare anche la crescente influenza dell’organizzazione, la Cina non è nemmeno un membro del G77, ma ha insistito sulla partecipazione comunque in una dimostrazione di unità con il Successivo Ordine Mondiale Globale.

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha partecipato, dicendo davanti alle nazioni presenti che dovevano unirsi per “lottare per una crescita economica equa e sostenibile e per un nuovo ordine economico mondiale.” Il presidente ecuadoriano Rafael Correa è andato un passo oltre, dicendo ai leader nazionali riuniti e ai rappresentanti, “Solo quando saremo uniti in tutta l’America Latina e uniti in tutto il mondo saremo in grado di far sentire la nostra voce e cambiare un ordine internazionale che non è solo ingiusto, è anche immorale.”

Un rapporto AFP su Yahoo News, l’unica relazione trovata sui media occidentali, descrive come anche il presidente cubano Raul Castro abbia partecipato, ma ha riservato i suoi commenti ad un appello per aiutare il loro alleato principale del Venezuela. Cuba, Venezuela, Bolivia e un certo numero di paesi sudamericani hanno insistito di essere attualmente sotto attacco da parte degli Stati Uniti e la CIA, I quali stanno disperatamente cercando di orchestrare colpi di stato per rovesciare il loro governi democraticamente eletti, allo stesso modo in cui stanno facendo in Ucraina di recente.

Iran e l’ONU

Un annuncio pubblicato dalle Nazioni Unite in questo fine settimana esprime la partecipazione entusiasta di segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon in occasione della riunione del G77. Si discute l’importanza di questa massiccia alleanza è degli obiettivi delle Nazioni Unite, con particolare riguardo all’inversione della crescente disuguaglianza economica mondiale tra le nazioni. Moon e le Nazioni Unite stanno sponsorizzando un incontro separato ma correlato delle nazioni nel mese di settembre per redigere nuove risoluzioni sul clima che dovranno essere emanate nel 2015.

L’annuncio descrive un incontro privato tra il Segretario Generale delle Nazioni Unite e vice presidente iraniano, ‘A margine del vertice odierno, Ban Ki-Moon ha incontrato il Primo Vice Presidente dell’Iran, Eshaq Jahangiri, per discutere le questioni legate allo sviluppo, nonché il ruolo potenziale che l’Iran potrebbe svolgere nel ripristino della stabilità in Iraq e la Siria. Il segretario generale ha aggiunto che non vedeva l’ora di coinvolgere l’Iran sul cambiamento climatico e ha detto che sperava molto che il presidente Hassan Rouhani potesse partecipare al vertice sul clima a settembre‘. Il rapporto dice anche i due leader hanno discusso le ambizioni nucleari dell’Iran e la scadenza in luglio prossimo per la conformità con i mandati precedenti.

Minacce di “secondo Vietnam” dell’America

Molti dei capi di governo presenti hanno colto l’occasione per sferrare un colpo contro quello che considerano essere il più grande nemico della pace mondiale, la democrazia e la libertà economica – gli Stati Uniti. Un leader si è spinto fino a chiamare il presidente Obama per nome ed ha minacciato gli Stati Uniti con un secondo Vietnam.

Come riportato dal Times of India, ospite della conferenza G77 di questo fine settimana – Il presidente boliviano Evo Morales – ha minacciato gli Stati Uniti e il presidente americano dicendo ai capi degli Stati riuniti, “Se Obama continua ad assalire il popolo del Venezuela, sono convinto che, di fronte a provocazioni e aggressioni, il Venezuela e l’America Latina saranno un secondo Vietnam per gli Stati Uniti.

Difendiamo la democrazia, le risorse naturali, la nostra sovranità e la nostra dignità.”
Il presidente di Cuba, Raul Castro è stato forse il più acuto e concentrato nelle sue osservazioni per quanto riguarda l’ordine del giorno dei paesi partecipanti.

Come riportato dal Havana Times , Castro ha detto all’alleanza di 133 nazioni, “E‘ necessario richiedere un nuovo ordine internazionale finanziario e monetario e eque condizioni commerciali per i produttori e gli importatori dai guardiani del capitale, centrati sul Fondo monetario internazionale e sulla Banca mondiale e dai difensori del neoliberismo raggruppati nell’Organizzazione mondiale del commercio, che stanno cercando di dividerci. Solo l’unità ci permetterà di far prevalere la nostra ampia maggioranza“.

Guerra civile delle Nazioni Unite

Sciogliere il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

Uno degli obiettivi più ambiziosi del G77 e dei suoi 133 paesi partecipanti è l’eliminazione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. I leader mondiali insistono che è poco più di una tirannia che cinque nazioni siano al di sopra del corpo delle Nazioni Unite.

Con cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che hanno diritto di veto su tutto il resto, le politiche e le azioni delle Nazioni Unite sono dettate da questi cinque paesi – Stati Uniti, Regno Unito, Russia, Francia e Cina. I membri del G77 vogliono che il Consiglio di Sicurezza elimini dall’ONU questo organo per poter tornare ad essere un organizzazione puramente democratica.

Il leader cubano ha continuato a descrivere un sistema economico globale gestito dall’ipocrisia americana e dalla corruzione finanziaria, “I principi del diritto internazionale e dei postulati del Nuovo ordine economico internazionale sono sfacciatamente violati, cercano di legalizzare l’ingerenza imposta, utilizzano minacce e la forza con impunità, i media sono utilizzati per promuovere la divisione.”

I pezzi del Domino cominciano a cadere

Questo è solo l’ultimo attacco organizzato verso un sistema finanziario globale truccato da governi corrotti e multinazionali che li controllano. Proprio il mese scorso, la Russia e la Cina hanno firmato un’alleanza commerciale a lungo termine che rappresenta la prima crepa importante nella bolla del dollaro USA. I due paesi hanno deciso di smettere di usare dollari USA nelle loro transazioni e di utilizzare invece le proprie due valute. Le due maggiori banche dei due paesi hanno immediatamente annunciato che avrebbero cestinato il dollaro statunitense come è giusto.

In cima a quello, i paesi del mondo ‘BRIC’ – Brasile, Russia, India e Cina – hanno dichiarato pubblicamente il loro obiettivo di sostituire il danneggiato dollaro americano con qualche altra valuta di default globale. Ora che la Russia e la Cina hanno finalmente adottato misure effettive per farlo, i restanti due terzi del mondo, molto probabilmente, cominceranno anche loro a fare i preparativi per smettere di usare il dollaro. E‘ stato durante questo fine settimana che 133 di loro si sono impegnati a fare proprio questo.

La parte spaventosa per gli americani è che sia Washington che Wall Street hanno promesso che ciò non sarebbe mai accaduto, perché se succedesse, sarebbe la distruzione del sistema economico statunitense e, eventualmente, degli stessi Stati Uniti. Leggi l’articolo di Whiteout Press, ‘gli accordi tra Russia e Cina spingono il Dollaro statunitense più vicino al collasso‘ per ulteriori informazioni.

Per visualizzare un elenco completo delle 133 nazioni che compongono il G77, visitare il Gruppo dei 77 website.

Fonte: Whiteoutpress.com

Tratto da: RisveglioDiUnaDea

Attraverso: http://ununiverso.altervista.org

redazione